Favourites

Aprile

Hello, per chi non lo sapesse siamo Veronica (in arancio) e RainbowSplash (in viola), le due fondatrici di Lost Wanderer; potete leggere la nostra storia qui.
Ogni mese vi proponiamo i nostri preferiti e un paio di cose di cui avremmo potuto fare a meno. Quali sono stati i vostri?

 

 

Prodotti Beauty
Primer Photoready Perfecting, Revlon
Revlon primerAvendo la pelle molto grassa, ho sempre usato il primer viso in maniera dogmatica, sperando che facesse durate di più il fondotinta ma senza mai vedere dei risultati concreti. Fino ad ora. Ho acquistato questo primer su Amazon al prezzo di 8,90€, un po’ “a sentimento”, ed è stata una rivelazione! Si tratta di un primer siliconico, ma non crea problemi di brufoletti. Va a “piallare” la pelle riempiendo i pori e lasciandola liscia ma non unta, cosa che invece altri primer siliconici fanno. In questo modo, su di una base così liscia, il fondotinta si stende facilmente e dura davvero tutto il giorno, senza che il prodotto vada a depositarsi nelle rughette o sparisca nelle zone più unte del viso. Finalmente ho trovato un primer che mi permette di vedere la differenza tra “prima e dopo”, e per di più ad un prezzo contenuto! È il mio mai più senza.

 

Siero lucidante ai semi d’uva, The Body Shop
siero per capelliGiuro che ho trovato l’olio per capelli della vita, o almeno della mia, ma volevo condividere la scoperta con voi. Ho comprato il prodotto credendo fosse un olio per il corpo in realtà, sbadata come sono e con una gift card in mano, l’ho preso senza pensarci troppo. Tornata a casa e vista l’etichetta, devo ammettere di esserci rimasta male ma decisa a dargli una chance, l’ho provato. I miei capelli sono più luminosi sulle punte, sembrano più sani e soprattutto il prodotto ha anche un’azione idratante sul capello se passato quando è umido. Bonus: se avete i capelli crespi, quest’olio disciplina davvero i capelli, parlo per esperienza! Lo sceglierei nuovamente con cognizione di causa? Sì, soprattutto perché costa solo 13,00 € e basta poco prodotto per avere risultati già visibili. 

 

 

serie tv e film
Russian Doll, Netflix (2019)
russian dollMi sono bastati due giorni per finirla. Lo so, sembra che non faccio altro che vedere serie tv tutto il giorno ma giuro che lavoro e dormo anche!
L’ho aggiunta subito alla mia lista non appena ho visto il trailer su Netflix, sia per Natasha Lyonne, protagonista e conosciuta come la detenuta Nicholls in Orange is the new black, sia per la trama che sembrava avvincente. La Lyonne non mi ha deluso con la sua interpretazione di Nadia che dopo essere stata investita ed essere quindi morta, torna allo stesso punto del giorno precedente cercando una soluzione a quello che le sta succedendo. Ogni inizio porta ad una morte differente, non importa quali e quante precauzioni Nadia prenda, finisce sempre al punto di partenza, nel bagno della casa della sua migliore amica, ma se il luogo rimane intatto, le persone e i luoghi stessi iniziano a cambiare attorno a lei ogni volta che scopre un nuovo indizio su come liberarsi di questa maledizione e poter andare avanti finché non incontra Alan che le confessa che anche lui muore ogni giorno.
Non vi spoilero la fine della serie, ma se vi ho incuriosita anche solo un minimo, correte a recuperare questa serie che non solo è fatta benissimo ma è recitata in modo incantevole. 10+

La collina dei conigli, Netflix (2018)
la collina dei conigliSe avete letto il libro di Richard Adams o visto l’omonimo cartone degli anni 70, sarete già traumatizzati a dovere. Ma, se non dovesse bastarvi, Netflix ci aggiunge questa serie in 4 puntate che ripercorre le avventure di un gruppo di conigli alla ricerca di un posto in cui vivere. Nonostante questo tipo di animazione non mi faccia impazzire, ho trovato la narrazione veramente toccante e azzeccata. Leggermente diverso sia dal libro che dal cartone, riesce ad essere un buon prodotto a sé con delle trovate veramente suggestive a livello visivo (come le visioni di Quintilio). Se già conoscete la storia, questo sarà un buon ripasso, se non la conoscete sarà un ottimo modo per conoscerla. Ma vi avverto: preparate i fazzoletti.

 

 

Non sono un uomo facile, Netflix (2019)
jenesuispasOgni volta che trovo un film francese mi esalto. Ho imparato ad amare la cinematografia d’oltralpe un paio di anni fa quando per caso mi sono imbattuta in “non sposate le mie figlie”, film divertentissimo che vi avevo consigliato in uno dei preferiti passati e che vi consiglio di recuperare.
Non sono un uomo facile è meno divertente eh ha qualche spunto di riflessione in più. La trama prende spunto da What women want – Quello che le donne vogliono, infatti Damien pensa che tutto gli sia dovuto in quanto maschio alpha e che la sua opinione o qualsiasi cosa lui faccia, valga di più che se lo facesse una donna, finché non sbatte la testa e il mondo attorno a lui cambia.  A differenza del film della fine degli anni novanta, Damien non riesce a sentire cosa pensano le donne, bensì le donne hanno preso il posto degli uomini e viceversa. I ruoli di potere sono invertiti, non sono più gli uomini in macchina ad infastidire le ragazzine in gonna ma sono le donne in completo giacca e cravatta a molestare gli uomini in pantaloncini inguinali e tacchi. E in questo gioco di scambi che il nostro protagonista incontra Alexandra Lamour, la sua perfetta controparte che gli apre gli occhi su come si comporta lui di solito, su chi è come persona e su quello che le donne riescono a fare. Un processo educativo in maniera drastica e radicale con un finale che non ci si aspetta e che lascia spazio ad un finale aperto. Una visione consigliata a chi ha la mente aperta.

 

varie
Il trucco c’è e si vede, Beatrice Mautino (2018)
il trucco c'è e si vedeCreme anti cellulite che promettono miracoli, gel viso che si vantano di essere rinfrescanti e super idratanti, molecole dai nomi bizzarri aggiunte ai prodotti che usiamo tuti i giorni per renderli “speciali”. Quanto c’è di vero dietro questi claim. La divulgatrice scientifica Beatrice Mautino in questo libro ci spiega come leggere le etichette dei prodotti cosmetici per non lasciarci abbindolare dalle promesse pubblicitarie. Leggendo il libro si impara a capire quanto di vero c’è dietro alle pubblicità, e soprattutto come scegliere i prodotti più adatti per noi senza spendere un patrimonio, lasciandoci trascinare dall’idea “se costa, vuol dire che funziona”. Un libro che permette di diventare consumatori più critici e attenti. Cosa che, in un’epoca in cui siamo sommersi dalle pubblicità, non fa mai male.

 

Meitu
meituAvete presente quei video che girano online e sui social dove le ragazze asiatiche hanno la faccia quasi a punta, gli occhioni enormi e poi iniziano a struccarsi e diventano altre persone? Il loro segreto sono le app come Meitu dove puoi modificare il viso, l’altezza… e mille altre funzionalità che vale la pena provare anche solo per divertirsi!

flop
Crema dermopurificante, Antos
52774131_625782684523635_6475583567261859840_n.jpgQuando si provano molti prodotti di un brand, è assolutamente normale trovare qualcosa che non ci faccia impazzire. Ho provato moltissimi prodotti di Antos, alcuni ve li ho anche consigliati tra i miei preferiti, ma questa crema…non ci siamo proprio. Dovrebbe essere una crema adatta a pelli grasse e oleose, ma risulta essere troppo corposa e pesante, lasciando addirittura una scia bianca quando viene applicata. Fortunatamente ci troviamo nella stagione fredda e sto riuscendo ad utilizzarla come crema da giorno, ma se l’avessi comprata in estate probabilmente non saprei proprio cosa farmene, visto che lascia la pelle unta e non è decisamente una buona base trucco! L’unica cosa che mi è piaciuta di questa crema è il profumo al rosmarino… tutto il resto è da buttare!

 

Una serie di sfortunati eventi, Netflix (2019)
serie di sfortunati eventiPosso dire che mi dispiace essere rimasta delusa da questa serie? La prima stagione mi aveva entusiasmata, forse per via della novità, perché la storia la conoscevo più o meno dal film che avevano girato nel 2004 (lo so, avrei dovuto leggere almeno il libro ma non mi entusiasmava). Poi è arrivata la seconda stagione, noiosetta e che mi aveva fatto perdere tutta la voglia di vederla fino alla fine. Ed eccoci alla terza ed ultima, di cui ho rimandato la visione finché ho potuto prima di pensare “via il cerotto, via il dolore” perché questo è stato: un dolore vedere come ad ogni episodio calasse tutta la mia attenzione fino all’agognata ultima puntata che comunque non da tutte le risposte alle mille domande che ci si pone dall’inizio del telefilm. E persino le doto recitative di Harris non sono riusciti a tenermi incollata al grande schermo, forse solo la bambina c’è riuscita con quel suo parlare stentato per il quale dovevo leggere la traduzione. L’unica nota positiva di queste stagioni sono stati gli attori; dopotutto non si può proprio dire nulla al cast scelto, anzi, persino i ragazzi sono azzeccatissimi nelle loro parti. Peccato perché aveva molto potenziale ma è finita e per chi volesse, potrete recuperarla su Netflix. A vostro rischio e pericolo.

DISCLAIMER: Questo articolo non è stato sponsorizzato in nessun modo.

Rubrica “Preferiti e non”
fb Lost Wanderer
ig LostWanderer.it
ig Veronica
pin.png Lost Wanderer

25 commenti

  • iriseperiplo

    Parlo delle Serie Tv visto che è il mio pane quotidiano(ne sto guardando una anche ora!).
    Russian Doll mi è piaciuta molto ma adoravo già l’attrice in Orange is The New Black, perciò l’ho vista proprio con piacere.
    La collina dei Conigli è stato fatto molto bene, anche se non adoro proprio la storia e l’ho guardato giusto per curiosità.
    Invece secondo me, Una Serie di Sfortunati Eventi, l’ho trovata perfetta perchè identica ai romanzi, non poteva esserci finale migliore.

    • Veronica

      Anche io ho seguito Russian Doll principalmente per Nikki di OITNB! Anche se la storia mi ha presa a prescindere.
      Invece non avendo letto i libri della Serie, purtroppo non sono riuscita a godermi la serie tv.

  • Anna

    O mamma, Russian Doll l’ho vista anche io: il top! Una serie tv davvero molto bella e originale. A parte che adoro la protagonista! Una rossa mitica!

  • Sara Alessandrini

    Molto carina questa rubrica!!! Bella l’idea di mettere insieme letture e prodotti beauty…Io mi comprerei tutto perchè amo entrambi i generi! Mi ha colpito moltissimo il libro di Beatrice Mautino è una delle prossime letture che vorrei intraprendere!

  • amalia Occhiati

    Mi ha incuriosito la collina dei conigli, penso di guardarlo durante queste vacanze. La trama del film è un pò come la strada della nostra vita, dove ognuno di noi lungo il nostro viaggio incontra pericoli e tentazioni. Sarà molto interessante

  • Nadia

    Non conoscevo il vostro blog e devo dire che ho dato un’occhiata in giro! E’ davvero carina l’idea di scrivere i preferiti del mese… Mi hanno incuriosito molto le serie tv che non ho visto e che sicuramente andrò a vedere. Voglio andare a vedere anche l’app.. avete menzionato tutte cose interessanti. Grazie!

  • Deborah

    I capelli crespi creso sia il dramma di tutte le donne, poi io avendoli ricci, quando ci sta umidità è sempre uno problema, per fortuna ci sono in commercio, prodotti che aiutano a eliminare il cresco, grazie per le tue informazioni.

    • Veronica

      Anche io ho i capelli tendente al crespo e quest’olio li disciplina davvero già dal primo utilizzo. Il film è molto carino, se lo vedi, fammi sapere cosa ne pensi.

  • Camilla

    Con questa rubrica ho scoperto tante cosine nuove che mi ispirano, tipo quel siero di The Body Shop!
    Ora cerco su Netflix Russian Doll, vediamo se anche io la finisco in pochissimi giorni!

    XOXO

    Cami

    • Veronica

      Il siero ha cambiato la vita dei miei capelli, te lo consiglio vivamente! Facci sapere poi come ti è sembrata la serie tv.

  • Lucia di Tommaso

    Sempre ottimi consigli, mi ha colpito molto il primer. Anch’io lo utilizzo sempre per mantenere inalterato e per diverse ore il mio make-up ma questo non ho ancora avuto modo di provarlo sicuramente lo acquisterò vista la recensione positiva

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.