Make-Up & Rainbows

Bellezza ecocompatibile

Negli ultimi mesi si è parlato tantissimo di come ridurre la plastica. Greta ha risvegliato le nostre coscienze ecologiche, e magari ci siamo messi a fare la raccolta differenziata e abbiamo smesso di comprare bottigliette di plastica, preferendo una borraccia riutilizzabile che ci portiamo da casa. Tutte queste iniziative sono degne di lode, e di sicuro ogni piccolo gesto contribuisce ad aiutare un po’ il pianeta. Ti sei mai chiesta , però, come rendere più ecocompatibile anche la tua routine di bellezza? Ci sono tante piccole scelte che possiamo fare ogni giorno per rendere anche il nostro Beauty “Green”. Qui ne troverai un po’.

  1. Prodotti nudi

Di sicuro saprai che in giro ci sono delle saponette per le mani e per il corpo. Quello che probabilmente non sai, è che in “saponetta” esistono anche shampoo, balsamo, detergenti e sieri viso. 

Lush ha una linea intera di questi prodotti definiti “nudi” ovvero senza pack in plastica. Considera l’idea di convertirti ai prodotti senza pack. Dopo un primo periodo in cui sarai un po’ spiazzata, scoprirai che una saponetta di shampoo dura molto più del classico flacone. Per non parlare del balsamo, praticamente eterno. Una bella notizia anche per il tuo portafogli! 

Quando proprio non riesci a trovare un prodotto senza confezione in plastica, cerca almeno di optare per dei flaconi che siano completamente riciclabili.

2. Online è peggio!

Colpevole! Sono la prima che spesso si ritrova ad ordinare online qualsiasi cosa, perché oggettivamente è più comodo farmelo recapitare a casa. Ma quante volte ti capita di ordinare qualcosa che potresti facilmente trovare in un negozio nemmeno troppo lontano da casa tua? Ordinare online significa mettere in modo dei camion, che dovranno portare il prodotto fino a te, e un sacco di imballaggi. Per cercare di ridurre il tuo impatto ambientale, cerca di fare degli ordini “grandi”, pianificando in anticipo tutto quello che vuoi comprare. Ordinare un solo prodotto è un vero spreco! E per il resto, cerca di sostenere le piccole imprese vicino casa tua. La piccola profumeria di quartiere sarà più che felice di aiutarti a trovare un nuovo mascara, e tu sosterrai la sua attività. 

3. Uno alla volta

Di quanti mascara hai bisogno? Uno solo. Lo stesso vale per creme viso, detergenti, siero… non aprire più di un prodotto per volta, e ricorda che una volta aperto il prodotto va buttato dopo 6/12 mesi. A meno che tu non riesca a finire un flacone di mascara in 3 mesi, è inutile aprirne 10 tutti insieme. Altrimenti ti ritroverai a buttarli tutti, senza aver avuto nemmeno il tempo di goderteli. Uno spreco sia per il pianeta che per il tuo portafogli.

4. Fai sentire la tua voce

Forse non te ne rendi conto, ma da consumatore hai un gran potere sulle aziende! Abituati a far sentire la tua voce. Oggi è facile mettersi in contatto con le aziende tramite mail o attraverso i social. Chiedi alle tue aziende preferite la più assoluta trasparenza sulla loro policy: i loro pack sono riciclabili o fatti con materiali riciclati? Contengono ingredienti che potrebbero inquinare le acque? Fai tutte le domande che ti senti di fare, e ti stupirai di vedere come le aziende ti risponderanno, e ci terranno a farti sapere tutto quello che ti serve per fare un acquisto consapevole. Te lo ricordi che un sacco di prodotti alimentari non contengono più olio di palma perché i consumatori si sono fatti sentire, vero?

5. Dove lo butto?

Quando finisce il vasetto di crema, è facile intuire che vada buttato nel vetro. Ma lo sapevi che i flaconi di smalto non finiti vanno lasciati nei contenitori per la raccolta dei medicinali fuori dalle farmacie? Cercare di fare tutto bene non è sempre facile, e può essere complesso reperire tutte le informazioni sul corretto smaltimento delle confezioni. Cerchiamo di fare un po’ di chiarezza.

Come ti dicevo, smalti, ma anche acqua ossigenata e acetone vanno nel contenitore per lo smaltimento dei farmaci, perché contengono ingredienti dannosi per l’ambiente.

Le palette di solito sono composte da materiali diversi, e vanno nell’indifferenziato.

La crema viso è scaduta? Svuota il contenuto nell’indifferenziato e ricicla la confezione (questo può valere per qualsiasi prodotto con un pack riciclabile).

Rossetti, ciprie, mascara vanno nell’indifferenziato.

Non svuotare mai flaconi di shampoo/saponi vari nel lavandino. Il prodotto va nell’indifferenziato, il pack si ricicla.

Alcune catene, come Tigotà propongono una “rottamazione” del make-up, e ti offrono uno sconto sui tuoi acquisti se porti dei vecchi prodotti, anche scaduti. Due piccioni con una fava!

Avevi mai pensato all’impatto del make-up sull’ambiente? Hai altri consigli che vuoi condividere con la community di LostWanderer? Ricorda che ogni piccolo gesto Conta!

12 commenti

  • italobackpackers

    Davvero molto interessante, complimenti per l’articolo. Faccio spesso la spesa nei negozi sfusi e appoggio pienamente lo stile di vita plastic free, anche perché ormai non è più una scelta se vogliamo continuare a vivere su questo mondo! Vado a sbirciare nel negozio della Lush 😛

  • Sognando Viaggi

    Davvero interessante il tuo articolo! Nel mio piccolo faccio la raccolta differenziata e uso borraccia fuori casa e caraffa con filtro a casa, ma non sapevo diverse cose tra quelle che hai citato, in primis che smalto e acetone si debbano portare nei contenitori per i medicinali. Farò tesoro delle preziose informazioni!

  • Stefania

    Io ho eliminato le bottiglie di plastica utilizzando la caraffa filtrante e la borraccia termica però mi rendo conto che compriamo sempre tante cose con imballaggi inutili che appena arrivati a casa dobbiamo buttare.

  • Noemi

    Ti ringrazio perchè effettivamente non sapevo che gli smalti andassero portati in farmacia come i medicinali scaduti. il resto lo faccio già da tempo, e credo sia utile ricordarci a vicenda che possiamo fare molto per il nostro ambiente.

  • Sara Chandana

    Sono stata attratta dal titolo e il post non mi ha delusa. Da anni utilizzo prodotti eco bio e prediligo l’acquisto nei piccoli negozi. Pensa che ho ancora un mascara acquistato a Vienna non ricordo quando ed è ancora buono! Mi sono ripromessa di non acquistare creme fino a quando non avrò finito quelle che ho in casa.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.