Manuali di sopravvivenza

Come sopravvivere a Netflix

Io lo so. So che tu, che stai leggendo quest’articolo, dieci anni fa cercavi di scaricare da Emule il film di Batman appena uscito in sala, trovandoti davanti ben altri tipi di “Cavaliere Oscuro”.
So che poi sei passato a Torrent, con un minimo rischio di scaricare pornazzi, ma anche un ridottissimo catalogo di titoli.
So che poi hai pensato “Scaricarli e poi cancellarli per mancanza di spazio nel pc è uno spreco, li guardo in streaming”, e Megavideo è diventato il tuo migliore amico.
So che hai pianto quando Megavideo è stato chiuso. E che in cuore tuo sai che nessuno dei nuovi siti di streaming (il)legale potrà mai raggiungere la grandezza di Megavideo.
Ora però, c’è in giro una novità che a te sembra quasi un paradosso, e si chiama streaming legale. E così, dopo 15 anni di pirateria (e un pc buttato perché infettato anche dal virus del colera), lasci cappello e pappagallo e ti abboni a Netflix (salvo poi continuare a guardare Game of Thrones in streaming perché sei un poveraccio e non hai Sky).
Benvenuto nel mondo dello streaming legale. Questo è Matrix…no, aspè, non era così… Questo è Netflix!

  1. IL MESE DI PROVA GRATIS

mese gratis
Netflix lo sa che almeno il 95% dei suoi abbonati viene da anni e anni di pirateria, e per rendere meno traumatico il passaggio allo streaming legale, ti offre un mese gratuito di prova. Come il miglior Giorgio Mastrota, Netflix ti conquista con la roba gratis. Perché la roba gratis è bella, sempre.
 
2. ABBONAMENTO
Una volta finito il mese di prova, Netflix di offre la possibilità di scegliere tra tre tipi di abbonamento:

  • Abbonamento sfigato senza amici (1 dispositivo);
  • Abbonamento coppia che non riesce a mettersi d’accordo su cosa guardare (2 dispositivi);
  • Abbonamento con gli amici che non pagano mai (4 dispositivi).

 
3. AMICI
Parliamo di quest’ultimo punto: gli amici. Dire in pubblico di avere un account Netflix è pericoloso quanto presentarsi con una pagnotta in piazza San Marco a Venezia. Come piccioni, gli amici vi piomberanno addosso chiedendovi di smezzare l’abbonamento, ovviamente facendo mirabolanti promesse di pagamenti precisi e puntuali. Un abbonamento da 4 dispositivi a Netflix è così suddiviso:

  1. Quello che paga
  2. Il precisino che ti ricorda pure quando gli devi un centesimo di resto
  3. Quello che ti dà 3€ ogni sei mesi, se si ricorda
  4. Quello che non paga perché “tanto non lo uso mai” (8946124912469 ore di visione all’attivo).

 
4. CATALOGO
Unknown4.jpg
Cosa troviamo nel catalogo Netflix? Siccome in Italia siamo sfigati, poco. Però ci sono delle vere e proprie chicche, tipo:

  • Bojack Horseman: lo inizi pensando che sia un cartone demenziale, ti strappa via l’anima a morsi;
  • Stranger Things: a meno che tu non sia nato negli anni ’80, ti sembrerà una serie come un’altra;
  • Big Mouth: ok, volevi qualcosa di demenziale, ma forse questo è un po’ troppo;
  • Documentari sui vegani e documentari sui nazisti. Netflix, stai cercando di dirci qualcosa?

 
5. LA TUA LISTA
Unknowne.jpg
A questo punto, scegli quello che vorrai guardare in futuro e aggiungilo alla sezione “La tua lista”, che ben presto arriverà a contenere più di mille titoli che non guarderai mai, perché passerai giornate intere a riguardare sempre le stesse cose.
 
6. LE MARATONE
Unknown.jpg
Netflix è nato per le maratone. Ve lo garantisce una persona che ha guardato 24 puntate di Bojack Horseman in 24 ore. Ho delle occhiaie che possono provarlo. Proprio come capita nella disciplina olimpica, anche la maratona di Netflix ha bisogno di una durissima preparazione: bisogna essere in grado di ridurre al minimo i movimenti e le pause bagno, alimentarsi solo a pizza e patatine e dimenticarsi di dormire.
 
7. IL GRANDE SONNO
In ultimo, vorrei sottolineare una cosa. Non è vero che Netflix ti toglie il sonno, anzi! Ti capiterà molto spesso di addormentarti mentre scegli qualcosa da guardare dalla tua lista infinita.
 
Ammettilo..un po’ ti manca il tizio che urlava “SONO VERAMENTE EUFORICO”, svegliandoti nel bel mezzo della tua puntata piratata, vero?

23 commenti

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.