Favourites

December

December

Siete alla ricerca di nuove sensazioni, nuove storie, nuove avventure? Questa è la rubrica che fa per voi firmata Mondaygirl, LostWanderer & RainbowSplash.

Buon Viaggio!

Beauty

Snow Fairy Body Spray (Lush)

snow fairyChi di noi non ha mai desiderato di profumare come un enorme zucchero filato?
Adoro la profumazione Snow Fairy di Lush, ed ogni anno è un vero e proprio lutto separarsene quando il periodo natalizio finisce. Quest’anno la linea è stata arricchita con un Body Spray, che a vederlo sembra un po’ lo spray per pulire i vetri, e invece contiene ben 200ml di profumo. Io l’ho comprato appena uscito (costa 25€) ed è diventato il mio compagno inseparabile. Lo spruzzo addosso come profumo, ma anche sui vestiti. Si tratta di un profumo molto dolce, quasi caramelloso, e vi consiglio di annusarlo prima di comprarlo: deve piacervi davvero TANTO per riuscire a sopportarlo. Ah, se nella metro di Roma beccate una tizia che profuma come un carretto di zucchero filato, probabilmente sono io!

Christmas to go by Sephora
sephoraIl Christmas to go è un calendario dell’avvento targato Sephora in cui è possibile trovare dietro ogni finestrella numerata 24 prodotti di bellezza tra quelli per la cura del viso, del corpo o oggetti di make-up per arrivare al top alle feste.
La comodità di questo cofanetto è che una volta finiti i prodotti, può essere riutilizzato, perché Natale dura tutto l’anno con questi prodotti dalle mille sorprese!

Snowflake by LUSH
Snowflake lushLimited edition ed esclusiva UK, questa bubble bar è il sogno delle amanti della stagione invernale, della neve, le cioccolate calde e, ovviamente, i lunghi bagni caldi.
Sa di limone e patchouli, sa di un pizzico di vaniglia e ogni cosa bella! È una superchicca insomma, e se riuscite a metterci le mani, non ve ne pentirete! Ha la forma di un fidget spinner ma non è snervante (almeno per me) come gli originali.
Rilascia un sacco di glitter e fa molte bolle se usato nel modo giusto, assolutamente da usare nelle notti più fredde in cui serve quella coccola in più!
Serie tv

 Victoria: Christmas Special, Netflix (2017)

Victoria Christmas SpecialPenso che siate a conoscenza degli speciali natalizi proposti ogni anno dalla BBC, soprattutto se seguite serie tv inglesi come Doctor Who, Sherlock e la mia amatissima Victoria. Quest’anno speravo sarebbe toccato a The Crown ed invece, nulla, probabilmente toccherà a Doctor Who o una cosa come Mr. Selfridges.
Ma parliamo proprio dello speciale dell’anno scorso. La Regina Victoria non sembra proprio andare d’accordo con la festività natalizia, sempre vissuta da sola in passato; dall’altra parte Albert sempre pieno di spirito natalizio e fa in modo che anche Buckingham Palace sia addobbato a festa, portando con se le tradizioni tedesche che oggi sono uno status natalizio in UK: addobbi, festoni, mulled wine, i pini a festa, luci ovunque!
Uno speciale di due ore che si concentra non solo sulla coppia di regnanti in attesa del quarto figlio, ma anche dei personaggi in background che cercano a modo loro un lieto fine che lasci gli spettatori soddisfatti, in attesa della terza stagione che vedrà la luce i primi mesi del 2019.
How I met your mother – Natale tra amici (2016)
himymIn questo episodio della seconda stagione che adoro tantissimo, Marshall e Lily sono da poco tornati insieme e si preparano a festeggiare il Natale insieme a Ted, ma in un vecchio messaggio nella segreteria telefonica di Ted, Lily viene definita “Befana” o meglio, è quello che Ted fa credere ai figli visto che si tratta di un’altra parola che finisce per -ana. Da qui inizia una serie di gag assurde che porteranno Lily a tornare in un appartamento così piccolo da non far entrare nemmeno il letto e Ted ospite di una cugina eccessivamente bacchettona.

Vi ho incuriositi? E allora che ricominci il re-watch!

Futurama (Babbo Nasale)

babbo nasaleAnche nelle serie tv, mal sopporto gli episodi natalizi. Fa eccezione Futurama, che nella seconda stagione introduce il personaggio di Babbo Natale Robot, che al posto di portare i doni trasforma la festa più amata in una vera e propria guerra, con gente costretta a chiudersi in casa. Il personaggio di Babbo Natale robot compare anche nelle stagioni successive, e ho adorato ogni sua apparizione. Una visione decisamente più macabra del Natale, con elfi sfruttati e malandati; che continuo a preferire a quella classica e zuccherosa. Eppure vi giuro che il Natale lo amo! Sono film ed episodi a tema che non sopporto!

cinema1

Canto di Natale di Topolino (1983)

Canto_di_Natale_di_TopolinoOk, lo ammetto: non sono una grande fan dei film di Natale. Mi sembrano un po’ tutti uguali, una versione ancora più zuccherosa delle classiche commedie romantiche dove tutto deve finire bene, tutti sono buoni e si meritano il loro lieto fine. In questo sono un po’ Scrooge, e forse proprio per questo amo così tanto il Canto di Natale di Topolino. Se siete nati negli anni Novanta, è praticamente sicuro al 100% che lo conosciate. Tra tutti i film natalizi, e tra tutti i riadattamenti del Canto di Natale di Dickens, questo è sicuramente il mio preferito. E ancora oggi, a distanza di anni, lo spirito del Natale Futuro riesce a farmi venire i brividi…
Santa Clause (1994)
Santa ClausePrimo film di una trilogia natalizia che fa non solo ridere ma dona anche una morale tra le battute di un cast ben azzeccato; è uno dei pochi film il cui titolo non ha avuto una traduzione italiana e per fortuna aggiungerei! “Clause” è infatti un gioco di parole tra Santa Claus, Babbo Natale per l’appunto e clause, clausola perché il protagonista è costretto a diventare Babbo Natale dopo che indossa il costume del vecchio più amato al mondo, trasformandosi lui stesso in Babbo Natale.
Tra una serie di equivoci, problemi familiari e un mondo tutto nuovo fatto di elfi, regali e neve, si sbroglia questa commedia in pieno stile anni ’90 che non potrete fare a meno di godervi in queste vacanze, con la famiglia, magari tornando un po’ bambini.
Elf (2003)
ElfElf è la storia di Buddy, un elfo di Babbo Natale che è sempre stato diverso dagli altri, a cominciare dalle sue dimensioni visto che è alto il doppio rispetto ai suoi colleghi e poi è totalmente imbranato e fuori luogo. Un giorno scopre di non appartenere a quel mondo e di essere figlio dell’essere umano che odia il Natale più di chiunque altro.
Inizia allora l’avventura di Buddy a New York in una città dove non tutti sono abituati alle buone maniere del Polo Nord e anche in un negozio di regali di Natale ci può essere qualcosa da migliorare.
Elf è il classico di Natale più divertente e non convenzionale che ci accompagnerà sempre durante il cenone per sentirci bambini ancora una volta.

 
App

 Santa’s Bag (solo per iOS)

SantasBag IconAvete un mucchio di regali da fare ma volete tenere sotto controlla quanto spendete? Questa app è l’ideale per controllare le spese di ogni singolo acquisto fornendovi un quadro generale delle spese, soprattutto se vi siete prefissati di non superare un certo budget!
 
Books
Il Natale di Poirot, Agatha Christie (1940)
Il natale di poirotE se il cenone coi parenti fosse solo il preludio a un giallo? È quello che succede al nostro Poirot in una nuova avventura dall’ambientazione natalizia.
Il signor Lee decide di invitare tutti i figli che non vede da tempo nella sua villa lussuosa per annunciare le ultime volontà che saranno scritte nel suo testamento. Sembrerebbe una riunione familiare come un’altra se non fosse che improvvisamente il signor Lee viene trovato senza vita.
Un nuovo caso da risolvere chiama il nostro Poirot perché il crimine non dorme mai, nemmeno a Natale!

Let it snow, John Green
Innamorarsi sotto la neveMetti una cittadina, Natale e tre adolescenti, ognuno con il loro passato, i loro sogni e ovviamente gli impresti del caso. Facciamo così la conoscenza di Jubilee, Addie e Tobin che, attraverso tre autori – uno per ogni personaggio – ci raccontano le loro storie. Jubilee e la tempesta di neve che la blocca sul treno per andare dai nonni; Tobin che si avventura in una tormenta di neve con gli amici per andare a scoprire chi è il suo vero amore ed Addie che ne riscopre uno che pensava fosse ormai finito.
I tre protagonisti, per fortuito caso e destino, si ritroveranno nelle pagine finali della terza storia, ricongiungendo tutti gli intrecci nella cittadina di Gracetown.

Canto di Natale, Charles Dickens (1843)

15623739_361419567553033_137135084535808000_nAlzi la mano chi non ha mai visto il Canto di Natale in versione Disney, con Zio Paperone nei panni di Ebenezer Scrooge. Del Canto di Natale di Dickens sono stati fatti così tanti riadattamenti da rendere la storia nota anche a chi non ha mai letto il romanzo originale: un uomo avaro ed egoista si ravvede e scopre le gioie del Natale dopo che tre spiriti, nella notte della Vigilia di Natale, gli mostrano il dolore che ha causato alle persone che gli sono state vicine e il futuro che lo attende se dovesse proseguire col suo stile di vita. Dopo oltre 170 anni dalla prima pubblicazione, il Canto di Natale resta una delle storie più belle a tema natalizio. È un libro che vale sempre la pena rileggere quando si avvicinano le festività.

Japan
Chocolate Christmas (1987)
Chocolate ChristmasImmaginate Sailor Moon, con capelli più corti e una codina soltanto, con due fiocchi rossi. E adesso immaginate Milord, biondo. Avrete i protagonisti di questa storia tutta natalizia composta da cinque capitoli; si leggono in meno di un’ora e la storia, scritta dalla stessa autrice di Sailor Moon, racconta di Ryouko che la viglia di Natale, trovatasi tutta sola, scrive una lettera al DJ Mr. Coco sperando in un miracolo di natale.
Dovete sapere che le feste natalizie sono come il nostro San Valentino in Giappone quindi potete benissimo immaginare il lieto fine che avrà la nostra protagonista dal carattere impetuoso proprio come la sua adolescenza le permette!
Rossana – Kodomo no omocha special di Natale (2002)
rossanaL’episodio a cui mi riferisco non è un vero e proprio special di Natale ma un episodio ambientato in questo periodo. Rossana e Erik decidono di festeggiare il loro compleanno nella data che si trova al centro tra i due compleanni, ovvero la vigilia di Natale. Inizia una festa con le solite gag che ci hanno fatto amare la serie, fino a quando…rullo di tamburiii… finalmente c’è il secondo bacio tra Rossana ed Erik, il più romantico e sensazionale di tutti che potete vedere qui.

 
 
DISCLAIMER: Questo articolo non è stato sponsorizzato in nessun modo.
Seguiteci anche su FacebookInstagram!

11 commenti

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.