Tricks & Tips

Festeggiare il compleanno partendo

Oggi è una di quelle giornate dal sapore diverso, dalla felicità aspettata. 
Una giornata fatta a forma di candeline e di ricordi; album fotografici e valigie. Fatta di biglietti aerei e passaporti; di viaggi e piccole gioie. Di decisioni all’ultimo minuto che rendono il tutto ancora più indimenticabile. Dopotutto nella vita ci sono momenti in cui bisogna fermarsi e prendersi un momento tutto per sé. E quale miglior regalo se non partendo? 

No, non sono io ad aver compiuto gli anni. Piuttosto è il compleanno del mio migliore amico e compagno di avventure. L’uomo che da cinque anni a questa parte mi sopporta e mi supporta. Un compagno di viaggio e di vita fidato, amorevole e che non cambierei con nessun altro al mondo. 

Tre anni fa abbiamo deciso di festeggiare il compleanno partendo e che avremmo viaggiato ogni anno per il suo o il mio compleanno, ad anni alterni e se anche quest’anno non tocca a lui, volevo fargli i miei auguri in maniera particolare, dedicandogli questo blog post. 

Festeggiare il compleanno partendo

Quando si parla di compleanni, vengono sempre in mente le feste dei bambini. La famiglia che si riunisce, le luci che si spengono e le candeline che illuminano quel poco prima di essere spenta. E mi raccomando non dimenticate di esprimere un desiderio prima di soffiarvi sopra! 
Gli applausi, i regali, le risate. E poi si diventa grandi e tutti hanno impegni, le famiglie si dividono o magari si vive lontani e cosa resta? Solo una giornata senza più un vero senso. 

Difficilmente superata la maggior età si riesce a ricreare quella atmosfera felice il giorno del proprio compleanno. Eppure a volte, con un po’ di volontà e pianificando in anticipo, si riesce a festeggiare in maniera carina magari con qualche amico ed una torta comprata al supermercato. Un po’ come ho fatto l’anno scorso e tutto sommato tra giochi, la cena e la compagnia, siamo riusciti quasi a ricreare quell’atmosfera da feste anni ’90, proprio come volevo! 

E perché ho festeggiato a casa quell’anno? Perché il 2018 è toccato a Marco il viaggio per il compleanno. Il suo primo compleanno in viaggio lo abbiamo passato a Praga visto che lui voleva visitare la città da un po’. E così mentre stavamo pianificando le nostre prossime vacanze, cercando tra i low cost, ho preso due biglietti per la città Ceca e, con mesi di anticipo, gli ho dato il suo regalo di compleanno. 

Avevo pensato di nascondergli la meta di viaggio ma con lui che mi avrebbe bombardato di domande su cosa mettere in valigia e cosa avremmo fatto, ho ceduto subito. Se volete fare un regalo di questo tipo, spero siate migliori di me a mantenere il segreto e rendendo ancora più magico per la vostra persona speciale. 

Come scegliere la meta di viaggio per il compleanno?

Programmare un viaggio non è sempre facile, soprattutto se lo si vuole rendere indimenticabile per un’occasione speciale. Tutto dipende anche dai vostri gusti o di quelli della persona a cui state regalando il viaggio.  
Scegliere la meta giusta rimane il primo passo. Magari potete realizzare un sogno nel cassetto, esplorando una meta in cui non siete mai stati prima e che sognate da tempo e non avete mai trovato l’occasione giusta per andare.

La flessibilità è un altro punto che con i compleanni è difficile trovare. Ecco perché vi consiglio di prenotare tutto con largo anticipo (soprattutto per chi è nato nei mesi estivi o il periodo natalizio dove tutto sale di prezzo). Magari preferite un AirBnB all’hotel per risparmiare qualcosina.

Personalmente ogni anno noi stiliamo una lista dei paesi papabili in cui vorremmo andare quell’anno e poi, al momento di comprare i biglietti, monitoriamo Skyscanner e vediamo da dove conviene partire. Spesso i prezzi tra Cardiff, Bristol e Londra cambiano di molto. A volte conviene partire dalla capitale ma poi aggiungendo il costo del biglietto per arrivare e magari l’accommodation, conviene partire da Bristol per gli stessi soldi a conti fatti. 

Controlliamo quale, tra le possibili città che abbiamo in mente, sia quella che tra alloggio e volo sia la meno onerosa e siamo pronti a viaggiare con la mente prima di tutto, aspettando il fatidico momento del volo. 

Quest’anno eravamo indecisi fra Budapest, Parigi, Glasgow e Tenerife. Visto che i nostri compleanni cadono ad Ottobre e Novembre, ci eravamo già immaginati ad immergerci nelle terme di Budapest ed invece… 

Festeggiare il compleanno partendo: renderlo magico con un’attività speciale

Dei cinque anni insieme, abbiamo iniziato questa piccola tradizione di festeggiare in viaggio solo da due anni. Il 2019 sarà il terzo. Abbiamo visitato Amsterdam nel 2017, Praga nel 2018 e Parigi sarà la nostra meta per quest’anno. La nostra seconda volta nella Ville Lumiére. 
La capitale francese è stato il nostro primo viaggio insieme, quello più importante. Marco mi ha chiesto di sposarlo sotto la Tour Eiffel dopo pochi mesi che stavamo assieme e, a distanza di quattro anni da quel momento, adesso stiamo per realizzare il nostro sogno d’amore, sposandoci tra qualche mese. Ci sembrava giusto tornare, dove tutto è iniziato e non solo tramutarlo nel viaggio per il mio ventinovesimo compleanno ma anche come mini pre-luna di miele

Ma come rendere speciale il giorno effettivo della propria nascita? Facendo qualcosa di nuovo magari come ad Amsterdam quando abbiamo provato i famosi brownie di uno dei tanti coffee shop che pullulano la capitale olandese. Uno sballo durato ore per chi come noi non è abituato ad assumere sostanze di questo tipo. 

Una cena celebrativa in un ristorante stellato, con menù degustativo di otto portate. Un viaggio dei sensi e del gusto; anche questo ad Amsterdam, all’OPIUM del Radisson Blue di Schipol. O magari un pranzo su una nave da crociera che fluttua lentamente sul Moldava, a Praga che offre una magnifica vista del Ponte Carlo da una prospettiva decisamente diversa. 

E cosa ci riserverà Parigi? Il sogno di tutti, piccini e non, Disneyland! Ormai lo sogniamo da un paio d’anni ma non abbiamo mai voluto affrontare la spesa di pernottare nel Parco e spendere troppo tra hotel, pasti e i biglietti per i due parchi quindi abbiamo fatto un compromesso. Ci siamo presi qualche giorno per rivedere Parigi, esplorare Versailles e il 25 Novembre divertirci solo in uno dei due parchi e trarne il meglio da una sola giornata.  

Ricordare il momento 

La cosa più importante durante un viaggio celebrativo rimane sicuramente il divertirsi e rendere quei momenti indimenticabili, magari con qualche foto a stampare successivamente in un album. Noi abbiamo scelto il servizio di Cheerz (con il codice MSVEXE potete usufruire di €5 di sconto) per creare degli splendidi foto album personalizzabili dei nostri viaggi, dei nostri on the road per la Sicilia e dei nostri anni in terra straniera. Dopotutto avere i propri ricordi stampati su carta, ha un valore immenso. 

Ma raccontateci di voi: preferite festeggiare il compleanno partendo e immortalare i vostri momenti stampandoli?

 

← Rubrica “Tricks & Tips”

Lost Wanderer

lostwanderer.it

veronica

Lost Wanderer

 

Like it. Share it. Pin it! 

Siciliana di nascita; ex-studentessa di Lingue al Liceo, all'università ho scelto Scienze della Comunicazione. MI sono trasferita all'estero subito dopo la Laurea e, adesso, son quattro anni che sono espatriata, prima a Londra e adesso a Cardiff e finalmente inizio a sentirmi a casa. Amo il sole, il mare, la primavera, i fiori e soprattutto il Natale. Oh, e i biglietti aerei economici, quelli sono DAVVERO, la mia cosa preferita. Sono una sognatrice; mi piace scrivere da sempre: sui banchi di scuola ho cerato le mie storie fantasy migliori che non hanno, e non avranno mai, visto la luce, più perché ho dimenticato dove siano tutte quelle pagine che per altro. Spesso penso che sia nata nel secolo sbagliato; gli anni '90 mi mancano molto a livello di contatto umano ma so che ormai non riuscirei fare a meno della tecnologia. Sono una viaggiatrice; figlia del mio segno zodiacale, il Sagittario, ho bisogno di spiccare il volo e vedere quanta più porzione di mondo mi sia concessa. Mi piace esplorare posti nuovi, perdermi per le strade, assaggiare nuovi sapori, sentire nuovi odori e perché no cercare di carpire parole da lingue a me sconosciute.

57 commenti

  • Valentina

    È un mio sogno festeggiare il mio compleanno in viaggio 🙂 Solo una volta l’ho trascorso in vacanza: quando ho compiuto due anni ed ero alle Canarie con i miei genitori e i miei nonni. Comunque grazie per avermi consigliato il foto libro… giusto ieri stavo dando un’occhiata in internet per cercare qualche buon sito per creare un bel foto libro ricco di ricordi 🙂

    • Veronica

      Aw peccato tu non possa ricordarlo, magari l’anno prossimo riuscirai!
      Cheerz è uno dei migliori siti per i libri fotoricordo!

  • chiarapancaldi

    Solitamente festeggio il mio compleanno in famiglia, ma trovo che una partenza sia uno dei regali più belli che si possano fare!

  • Lucy

    Ma quanto amore che c’è in questo post, che dolcezza!! Ora che ci penso non credo di essere mai partita il giorno del mio compleanno, ma di sicuro l’ho passato in viaggio almeno una volta… invece una volta per il compleanno del mio ragazzo ho prenotato tutto e non gli ho detto dove saremmo andati (Madrid), l’ha scoperto all’aeroporto! 😀

    • Veronica

      Ecco l’idea di prenotare tutto e non dirglielo fino all’ultimo per me è impossibile da mantenere con il mio lui ma mi piacerebbe troppo riuscire a farlo un giorno!

  • lisatrevaligie

    Partiremo proprio la settimana prossima per festeggiare i nostri 40 anni a Gardaland! Io sono così contenta di festeggiare i compleanni e ogni anno cerco qualcosa di diverso con cui stupire gli invitati. Stavolta sarà una torta scenografica in tema Tim Burton, e la cena sarà in costume. Ovviamente terrificante, essendo halloween.

  • Isabella Gatti

    Trovo l’idea di tascorre il compleanno in viaggio un idea originale e interessante. Ma anche uno splendido regalo da fare ad una persona cara

  • M.Claudia

    Festeggiare viggiando é un idea stupenda, per qundo riguarda i fotolibri ho l’abitudine di farne uno per ogni avvenimento importante

  • Valentina

    Bella l’idea di festeggiare il compleanno con un viaggio. Io lo farei se non cadesse proprio alla metà di febbraio. Col rischio, per me single, di trovare solo le coppie che festeggiano San Valentino. Perché per me San Valentino è il mio onomastico.

  • Una Gallina a Milano

    Ogni anno ci provo e la richiesta primaria come regalo per il mio compleanno è proprio un biglietto per un luogo qualsiasi nel globo, non mi servono chissà che viaggi extra continente, mi basta anche la regione affianco alla mia!

  • Silvia Faenza

    Anche io ho festeggiato il mio compleanno a Madrid l’anno scorso! Mi sono divertita tantissimo ed è stato un bel compleanno alternativo, festeggiato da sola con mio marito. Devo dire però che anche quando non mi regalo un viaggio, avendo una famiglia molto unita, ci riuniamo tutti e festeggiamo ed effettivamente anche se ho quasi trent’anni ritorno un po’ bambina.

  • Rossella

    Il compleanno festeggiato in viaggio è il migliore! Mio figlio per esempio ha la fortuna di essere nato nei mesi estivi e quindi spesso il suo compleanno viene festeggiato da qualche parte nel mondo. Ricordo ancora il suo primo volo.. il giorno del suo sesto compleanno, o la festa a Disneyland Paris… Vuoi mettere con un compleanno festeggiato al lavoro!? Non ci sono paragoni!

  • Simona

    Dall’inizio alla fine direi semplicemente magico. Chi non vorrebbe un compleanno così con tanto di album fotografico per ricordarlo poi nel tempo? Io aspetto ancora il principe azzurro che mi faccia un regalo così. Mi basta anche una gita fuori porta eh, l’importante è andare! 😉

  • Giada Capotondi

    Io dal 2011 all’anno scorso ho sempre festeggiato il mio compleanno all’estero, tra New York, Florida, Scozia e Alaska (anche se per lavoro…). Non amo molto questa ricorrenza, ma festeggiarla esplorando un luogo nuovo mi riempie di gioia e mi fa dimenticare gli anni che passano 😀

  • Silvia - The Food Traveler

    Trovo che partire per festeggiare un compleanno sia la cosa migliore da fare! Un po’ perché a una certa età voglio dimenticare quanti anni compio per cui meglio allontanarsi da casa e concentrarsi su qualcosa di diverso 😉 Scherzi a parte, io addirittura mi “autoregalo” dei viaggi in occasione del mio compleanno: quelli che ricordo con più piacere sono stati a New York e a Mosca, per due compleanni importanti.

  • inviaggiocolbisonte

    Anche a me piacerebbe molto festeggiare il compleanno con un viaggetto apposta, purtroppo entrambi compiamo gli anni in periodi che non ce lo consentono. Però il piccolo bisonte li compie a Luglio, quindi lui lo festeggia quasi sempre in viaggio!

  • Nicoletta C.

    Per noi festeggiare il compleanno con un viaggetto ormai è un classico, anche se…bisogna dirlo, ogni scusa è buona per partire!! Sicuramente la cosa più facile è sempre scegliere la destinazione, perchè la lista è così lunga che c’è sempre un posto in cui vorremmo essere al girono del nostro compleanno. E quando non abbiamo abbastanza giorni o budget… andiamo in giornata!! Guarda cosa abbiamo fatto per il compleanno di Andrea https://www.viaggiatoripercaso.com/compleanno-a-madrid-toccata-e-fuga/ che ne pensi??

  • Sabrina Balugani

    L’idea di partire per un compleanno o una ricorrenza importante è uno dei più bei momenti che ho passato con il mio compagno e che da come leggo in questo tuo post, è anche il vostro modo di affrontare la situazione dell’anno in più. E la torta poi si può sempre mangiare al ritorno.

    • Veronica

      Difficilmente ci abbuffiamo di torta, persino quando non festeggiamo! Ma una cena con i fiocchi, quella sì che non ce la facciamo mancare 😉

  • Speranza

    Ogni occasione per partire è buona, fuguriamoci in occasione dei compleanni. A me capita spesso di festeggiare fuori il mio compleanno perché è in estate: o sono in viaggio o in gita. Da quando sono sposata, raramente lo trascorro a casa.

  • Giovy Malfiori

    Tu dici “Difficilmente superata la maggior età si riesce a ricreare quella atmosfera felice il giorno del proprio compleanno” ma per me non è così. Ho 41 anni suonati e per me il giorno del compleanno è sempre il miglior giorno dell’anno: è stato così anche quando ho lavorato 20’000 ore o ero in fiera a destreggiarmi con i clienti. Da un paio d’anni a questa parte, sono sempre in viaggio. E sempre in un luogo che adoro.

    • Veronica

      Ho detto anche che a volte con un po’ di organizzazione, si riesce a fare qualcosa di carino per il proprio compleanno. Credo sia anche una questione soggettiva, io ad esempio se lavoro il giorno del mio compleanno, non riuscirei ad essere felice come una pasqua. Mentre se sono in viaggio, tutto diventa più bello.

  • Ilaria Fenato

    Adoro l’idea di partire per il compleanno!! Avrei voluto farlo per i miei 30 anni ma ho avuto dei problemi ma mi piacerebbe farlo tantissimo nei prossimi anni! Tanto non festeggio mai, sarebbe un ottimo modo alternativo di festeggiare 😀

      • rodiphotographycom

        Hai perfettamente ragione. Difficilmente con l’età si riesce a ricreare l’atmosfera delle feste di compleanno d’infanzia, però credo che regalarsi un viaggio sia un ottimo modo per festeggiare.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.