Europa,  Travel Guides

Natale a Disneyland Paris

I nati tra la fine degli anni ’80 e i primi anni ’90, ricorderanno sicuramente le pubblicità di Eurodisney all’inizio di ogni cartone in videocassetta. Sognavo un giorno di poter abbracciare anche io Topolino e Paperino come quel bambino che vedevo in tv. Tutto sembrava magico, forse un po’ finto ma assolutamente speciale. 
Gli anni sono passati e la voglia è cresciuta sempre di più. Eppure tra i prezzi eccessivi e la voglia di esplorare altri luoghi, Eurodisney, poi omologamatosi Disneyland Paris negli anni, rimaneva un sogno. Fino a quest’anno quando tra le scelte del viaggio di compleanno, è spuntata Parigi. 
Abbiamo preso due piccioni con una fava e ho passato il mio ventinovesimo compleanno nel posto più incantato al mondo! 

Dove comprare i biglietti e quando è meglio andare?

Solitamente prenotiamo tutto in anticipo e così anche i biglietti per Disneyland, li abbiamo acquistati un mesetto prima. Utilizzando il sito ufficiale Disneylandparis.com, abbiamo vagliato le varie opzioni.

Alloggiando a Parigi, dovevamo considerare anche come spostarci per arrivare al parco. Notando le varie opzioni di acquisto, troverete il pacchetto biglietto più navetta. Ciò vuol dire stare agli orari dello shuttle e se invece volete essere un po’ più liberi, come noi, l’opzione solo biglietto fa per voi.

I prezzi dei biglietti cambiano in base al periodo, ai giorni di durata della visita e quanti parchi visitate. Mini, Magic e Super Magic sono le tre grande fasce di prezzo.
Potrete acquistare un biglietto Mini nei periodi di minor affluenza, solitamente nei mesi di bassa stagione e/o in giorni infrasettimanali.
Magic comprende sia i giorni già inclusi nel biglietto Mini più quei periodi di media affluenza. Solitamente prima delle feste o nei mesi primaverili/estivi vi ritroverete nella fascia Magic.
Super Magic comprende tutti i giorni, quindi sia quelli già inclusi nei due pacchetti precedenti più i festivi e tutti i weekend.
Prendendo i biglietti online, non solo si risparmia qualche euro ma anche la fila all’ingresso.

Visto che il mio compleanno cadeva di lunedì, siamo rientrati nella categoria MINI. Abbiamo quindi acquistato i biglietti al minor prezzo possibile spendendo £100 in due per un giorno, visitando solo un parco.

Disneyland Tickets

Come arrivare a Disneyland da Parigi?

Una volta acquistati i biglietti, abbiamo visto quale fosse il percorso migliore per arrivare a Disneyland. Durante l’intera vacanza, mi sono appoggiata al servizio dell’app Citymapper, costante nei miei anni londinesi per trovare gli spostamenti più rapidi. 
Abbiamo preso la RER A destinazione Marne-la-Vallée – Chessy da Gare du Nord, che era la stazione più vicina al nostro alloggio a Parigi. 

Il biglietto è di €7,60 solo andata. La durata del viaggio sul sito web è tra i 45 minuti e un’ora e 10. Noi ci abbiamo messo una mezz’oretta in realtà. Ci sono treni ogni dieci minuti. Il primo treno parte verso le 05:30 mentre l’ultima corsa da Marne-la-Vallée lascia la stazione poco prima di mezzanotte. 

Tutti quelli che optano per il servizio navetta invece li rimando al sito web perchè gli orari potrebbero cambiare. Parte da Gare du Nord e fa fermata a Opéra e Châtelet o in alternativa la si può prendere alla Tour Eiffel

Quali sono gli orari di apertura invernali e l’app Disneyland Paris

Convintissimi che il parco aprisse alle 09:00 e chiudesse alle 23:00, ci eravamo preparati a stare tutto il giorno fuori decidendo di partire un po’ più tardi da casa, pensando di arrivare verso le 10:30 ed evitare un po’ di calca.
Il fatidico giorno, scaricando l’app di Disneyland Paris sul treno, ho scoperto che in realtà il parco apriva alle 10:00 e chiudeva alle 19:00. Vi consiglio di scaricarla prima così da potervi organizzare per tempo.

L’app è gratuita, non fate come me però che ho cercato soltanto “Disneyland” su Google Play store e ho finito per installare quella dei parchi americani. Cercate quindi “Disneyland Paris” e non potrete sbagliarvi. 
La prima schermata vi darà il benvenuto e potrete subito vedere gli orari e il programma del parco. Potrete prenotare un tavolo o un Fastpass. 

Avrete tutti gli orari delle Parate e dei vari spettacoli a portata di mano, così saprete sempre quando mettervi in posizione per vedere ciò che più vi piace. Noi ad esempio abbiamo assistito alla Parata Natalizia, il Valzer Reale d’inverno con le Principesse Disney; la Parata delle Star della Disney e ovviamente lo spettacolo di fine giornata con i fuochi d’artificio.

Potrete anche controllare le attrazioni e i vari ristoranti chiusi durante la giornata del vostro soggiorno. 

Come incontrare i personaggi Disney e la Mappa di Disneyland Paris

Sempre nell’app, scorrendo in basso, tra le varie opzioni, se cliccate su “i tuoi idoli Disney”, avrete tutti gli orari per vedere alcuni dei personaggi Disney. Noi non siamo stati molto attenti all’orologio ma siamo ugualmente riusciti a vedere Alice ed il Cappellaio; la Regina di Cuori con Pincopanco e Pancopinco anche se non ci siamo fermati. Di sfuggita abbiamo visto Cip e Ciop e Topolino. Mentre siamo stati fortunati ad essere nel posto giusto al momento giusto per vedere Pippo e Paperino, il nostro personaggio preferito nelle storie cartacee. 

E le Principesse? Le trovate al Princess Pavillion. Solo due per tutto il giorno però! Il 25 Novembre c’erano Aurora de La Bella Addormentata nel Bosco e Ariel de La Sirenetta, in orari diversi. La fila da fare solitamente è lunga ma per me è valsa la pena. Aurora è una delle mie principesse preferite ed è stato magico incontrarla, parlarle e sentirla augurarmi “Happy Birthday”. (Sì, lo so, che le Principesse sono personaggi inventati ma a Disneyland Paris sono tornata bambina!)

Infine, scorrendo fino alla fine dell’app, troverete la Mappa dei Parchi. Troverete così subito le attrazioni a cui siete più interessati e le varie aeree in cui sono situati. In alternativa potrete prendere quella cartacea nella lingua che più desiderate all’entrata del Parco. 

Le attrazioni e i tempi d’attesa a Disneyland Paris

Tutti i gusti verranno soddisfatti. Montagne russe, trenini lenti, barche e persino un carosello. Ognuno troverà la propria attrazione preferita se saprà aspettare. Perché sì, in ogni attrazione c’è una fila da rispettare e solitamente all’entrata troverete i tempi di attesa che vanno dai dieci minuti alle ore. 

Siamo stati fortunati perchè spesso abbiamo fatto file di dieci o quindici minuti massimo. Le montagne russe però sono quelle che attirano quasi tutti e quindi potreste passare le ore in fila. Noi ad esempio per il Big Thounder abbiamo aspettato poco più di un’ora. Eppure ne è valsa la pena. 

La soluzione per chi non vuole aspettare tutto quel tempo, ma dimezzerà i tempi di attesa, è il Fastpass che si può acquistare prima delle attrazioni. Purtroppo non posso parlarvene perchè noi non abbiamo voluto spendere in più. Ecco perchè non posso parlarvi dei ristoranti, abbiamo deciso di comprare dei panini in una delle boulangerie vicino al nostro AirBnB così da non perdere tempo nell’attesa del cibo e soldi maggiorati perchè si è a Disneyland Paris. 

Le decorazioni Natalizie

Qualsiasi cosa addobbata a Natale ha una magia e una bellezza particolare. Sono un’amante delle decorazioni natalizie e quando ho letto che il Parco sarebbe stato decorato a tema dal 9 Novembre al 6 Gennaio, ero stracontenta. 

Disneyland Paris ha un attenzione particolare ad ogni tema. Ho visto parecchie foto delle varie festività e tutto è curato con un attenzione dettagliata da far invidia. 
Ogni angolo non è lasciato al caso e mi è sembrato di essere stata catapultata in un villaggio Natalizio che, non appena uscita, è stata dura tornare alla realtà.

Le aspettative erano altissime quando siamo arrivati, e a parte il dover riprogrammare tutto per finire alle 19 invece che alle 23, siamo rimasti più che soddisfatti della nostra giornata. Niente è andato storto e tutto è stato molto più bello e divertente di quello che avevamo immaginato. 
L’attesa è valsa la pena. Aspetteremo ancora una ventina d’anni per tornarci? No. In realtà speriamo di tornarci molto prima ma sappiamo anche che vogliamo esplorare ancora un po’ d’Europa prima di visitare nuovamente Parigi e Disneyland. 

Sicuramente abbiamo fatto tesoro della nostra esperienza e speriamo di essere d’aiuto a chi vuole andare per la prima volta come noi, a godersi la magia Disney e del Natale! 

 

← Rubrica “Travel Guides”

Lost Wanderer

lostwanderer.it

veronica

Lost Wanderer

 

Like it. Share it. Pin it!

Disneyland Paris pinterest Disneyland Paris Pin

25 commenti

  • Helene

    Amando i parchi di divertimento spero di poter visitare al più presto anche questo, soprattutto ora che nostro figlio ha raggiunto un’età adatta. Seguirò le tue precise ed utili indicazioni.

  • Francesco Di Maria

    Sono stato a Disneyland sei volte, l’ultima volta quasi dieci anni fa e ancora l’app non esisteva. Personalmente, se non proprio per esigenze particolari, sconsiglio di stare solo un giorno. Il parco, ormai parchi visto la presenza dell’area Pixar, Marvel, Star Wars e la continua espansione con le recenti acquisizioni, è pressoché impossibile da visitare nella sua interezza in un solo giorno. Io ho sempre pernottato all’interno del parco cambiando di volta in volta il tema dell’Hotel, una vera e propria gioia svegliarsi la mattina con tutti i personaggi Disney (e non) e ritrovarsi catapultati in questo mondo magico. Se si va, non meno di quattro cinque giorni, visitando tutto con calma, le migliori attrazioni che sottraggono gran parte della giornata, e sentirsi bambini senza pensieri per qualche giorno. Bellissimo, non vedo l’ora di ritornarci al più presto. Certo, ultimamente è diventato caruccio ma ce li vale tutti. Non andate a Gennaio se non volete rimanere ibernati dal freddo durante le file!

    • Veronica

      Pernottare almeno una notte, sarebbe perfetto! Anche se noi in un giorno siamo riusciti a fare quasi tutto nel Disneyland Park. Forse non abbiamo fatto 2 o 3 attrazioni, quindi ci siamo ritenuti soddisfatti. Hai ragione che i prezzi non sono sempre abbordabili, soprattutto pernottando ma chissà un giorno..!

  • Isabella Gatti

    Io sono nata negli anni ottanta e ricordo perfettamente la pubblicità di cui parli, prima di ogni pubblicità. Andarci resta un sogno nel cassetto di quando ero bambina, intanto grazie per tutte le informazioni che mi hai dato.

  • valekappa90

    Già sogno da sempre di andare a Disneyland, se poi è in versione natalizia ciao… Che meraviglia!! Voglio partire subito!

  • bidibibodibibeauty

    Ci sono stata due volte a Disneyland Paris ed è stato stupendo. Personalmente preferisco andarci quando fa un po’ caldo perché altrimenti rischio davvero di congelarmi perché a Parigi fa molto freddo d’inverno.

    • Veronica

      Noi non avevamo ancora sperimentato il freddo Parigino, la prima volta eravamo andati in Primavera e speravamo le temperature rispecchiassero l’Italia e invece… Però almeno abbiamo visto Disneyland addobbata a festa!

  • Katrin PoeMg

    Ho visitato Disneyland Paris quando sono stata a Parigi e l’atmosfera che si respira è qualcosa di fantastico, consiglio a tutti di andare almeno una volta nella vita era anche una splendida giornata di sole e sembrava davvero di vivere in un mondo fatato, è la magia della Disney.

    • Veronica

      Anche noi abbiamo trovato bel tempo, un po’ nuvoloso ma la pioggia ci ha sorpresi solo per una mezz’oretta quasi alal chiusura del parco, quindi ci siamo ritenuti fortunati!

  • lisatrevaligie

    Noi siamo fan di Disneyland e ci andiamo ogni anno. Abbiamo sperimentato ogni stagione, dall’estate all’inverno, passando per halloween e Natale. Lo scorso anno siamo stati al Disneyland hotel a capodanno, e devo dire che l’atmosfera che si e respirata era decisamente magica. Un sogno. Solo che fuori c’erano due gradi sotto lo zero, e in giro siamo stati ben poco. Abbiamo invece approfittato dei vari ristoranti, che vi consiglio di prenotare con largo anticipo per la vostra prossima visita.

    • Veronica

      Dev’essere bellissimo riuscire ad andare in ogni stagione, però passo per i ristoranti! Preferisco ancora il pranzo a sacco senza attesa e pagare un sacco ahahha

  • Silvia - The Food Traveler

    Sono cambiate tantissime cose da quando ci sono stata, ma sono passati secoli e se non sbaglio il parco aveva aperto da poco. Noi eravamo arrivati in macchina perché avevamo inserito il parco tra le tappe di un viaggio on the road, e avevamo dormito in un paesino da quelle parti. Ora mi piacerebbe tornarci dormendo però in uno degli hotel a tema.
    Le code lunghissime per certe attrazioni c’erano già anni fa, e niente fastpass nemmeno per noi!

    • Veronica

      Dormire in uno degli hotel del Parco e usufruire delle ore extra per stare dentro è un sogno anche nostro e speriamo di esaudirlo come abbiamo esaudito questo!
      E credo che l’attesa delle attrazioni faccia parte dell’esperienza stessa, dopotutto anni fa non esisteva neanche l’opzione fastpass 😉

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.