Favourites

October

October

Siete alla ricerca di nuove sensazioni, nuove storie, nuove avventure? Questa è la rubrica che fa per voi firmata Mondaygirl, LostWanderer & RainbowSplash.

Buon Viaggio!

Beauty
Maschera Illuminante e Purificante al Carbone dell’Himalaya, The Body Shop

IMG_20181011_172938A Natale avevo ricevuto una stella piena di prodotti di Body Shop, per stella intendo una scatola a forma di stella dove ogni punta aveva una sorpresa e al centro c’era questa maschera che avevo quasi dimenticato di avere considerando che adoro le maschere e ne ho sempre una marea da provare. Mesi dopo, e un trasloco dopo, l’ho ritrovata, l’ho provata e… boom, amore a prima vista o a prima prova!
Come qualsiasi maschera al carbone, anche questa dopo poco inizia ad indurirsi fino ad asciugarsi del tutto prima di poterla lavare via. Solitamente uso una piccola asciugamano da viso per lavare via le maschere e, seppur avendo rispettato questa routine la prima volta, la seconda ho preferito lavare tutto via in doccia e… decisamente meglio! Essendo la maschera purificante, ha l’effetto di uno scrub e lavandola via con le mani, massaggiando in maniera circolare la pelle, la maschera ha sicuramente agito meglio della prima volta.
Sicuramente la ricomprerò perché è una delle migliori mai usate!

Maschera all’argilla, Antos

43511030_552842005151037_8847879478710370304_nPrendersi cura della pelle grassa non è affatto facile, e spesso le maschere all’argilla tendono a seccare troppo la pelle. La maschera all’argilla di Antos è il giusto compromesso: la consistenza, quasi jelly, la rende un po’ difficoltosa da stendere sul viso, ma una volta riscaldata tra le mani è facilissimo fare uno strato uniforme sul viso da lasciare in posa per una ventina di minuti. Il risultato è sbalorditivo: pori minimizzati, pelle pulita e asciutta ma non secca, una maschera con un inci verde e un prezzo accessibilissimo: 6,50€ per un barattolo che vi durerà mesi!

Serie tv
Riverdale (2017)
57e60b6a2349da5df8ad7432c8131c6cRiverdale è una cittadina innocua all’apparenza, fino a quando non accade qualcosa che stravolge completamente ogni cosa. Il liceale Jason Blossom viene assassinato misteriosamente mentre tentava di fuggire con l’aiuto della sua gemella Charyl. Questo evento porterà a delle ripercussioni in tutta la cittadina e tutti possono essere dei possibili sospettati. Iniziano a indagare anche alcuni studenti come il capitano della squadra di football Archie Andrews e i suoi amici Betty Cooper, la cui famiglia è da sempre contraria a quella dei Blossom, e Jughead, ragazzo scapestrato con un animo da artista. A questo gruppo si aggiunge Veronica Lodge, newyorkese appena trasferita a Riverdale dopo l’arresto per frode del padre. Tra tresche, storie e misteri arriveremo a scoprire che a Riverdale niente è davvero come sembra e anche i migliori possono nascondere oscuri segreti. Preparatevi a tenere il fiato sospeso per i colpi di scena e a sgranare gli occhi per la bellezza di Archie (interpretato da KJ Apa), Jughead (interpretato da Cole Sprouse, il Cody di Zack e Cody) e Fred Andrews, padre di Archie, interpretato da Luke Perry, il Dylan di Beverly Hills. Godetevelo!

Big Mouth, Netflix (2017)

big-mouth-season-2Lo so, ora penserete “ma non vale! Hai già parlato di Big Mouth l’anno scorso!”. Ma qualche giorno fa è uscita la seconda stagione di Big Mouth. Ed è tutta un’altra cosa. Se la prima serie privilegiava l’aspetto goliardico, la seconda prende una piega molto più matura: si parla di aborto, contraccezione, depressione giovanile, mercificazione del corpo femminile, ricerca dell’identità sessuale. Senza cadere in facili moralismi, Big Mouth racconta i disagi dell’adolescenza, senza perdere l’umorismo graffiante e scorretto che lo caratterizza. Fate un favore a voi stessi, e ritagliatevi del tempo per guardarla. È una delle serie che osa di più (in tutti i sensi) dell’ultimo periodo.

cinema1

Sulla mia pelle, Netflix (2018)

sulla mia pelleCi sono film che amiamo per la storia, altri per la cura dei dettagli nella regia, nella messa in scena… e poi c’è “Sulla mia pelle”, il film che racconta gli ultimi giorni di vita di Stefano Cucchi, una pagina nerissima della storia italiana. Un film con una storia essenziale, una messa in scena scarna, una regia quasi elementare. Eppure, con pochissimi elementi, riesce a colpire dritti al cuore per quello che racconta. Questo film è parte della memoria storica del nostro Paese, e come tale va preso: senza fronzoli, con un Alessandro Borghi magistrale, che da solo vale la visione del film. Da brividi.

Sierra Burgess è una sfigata, Netflix (2018)
sierra-burgess-is-a-loser-netflix-128608Sierra Burgess è tutte noi da adolescenti: insicura del proprio corpo, alla ricerca di sé stessa e di ciò che vuole diventare nella vita, questo la rende una perdente? No, ma… siamo al liceo, in America e il film mi ha dato l’impressione di fare l’occhiolino alle commedie adolescenziali degli anni ’80, primi ’90, cosa che me l’ha fatto amare ancora di più.
Sierra, per colpa della mean girl Veronica, si ritrova tra i contatti di un ragazzo del college che inizia a scriverle credendo che il numero sia di Veronica. Lei finge di essere un’altra ma nel frattempo si innamora, Veronica e Sierra iniziano ad aiutarsi a vicenda finché il dramma, o meglio la verità viene a galla!
Se volete sapere come finisce, andate su Netflix e guardatelo, non ve ne pentirete!
 
App

Sephora (iOS, Android)

440bea_0-e1539352421503.pngFare shopping compulsivamente è uno degli sport preferiti dalla sottoscritta. E una delle app che uso più spesso è quella di Sephora, disponibile gratuitamente su iOS e Android. Interfaccia molto simile a quella del sito, funzione di ricerca intuitiva, rende facilissimo comprare i vostri cosmetici preferiti. Il plus? Ci sono offerte speciali valide solo per gli acquisti da app, che vi permettono di risparmiare anche il 20%!

Uber (iOS, Android)
uber-logo-2016Che viviate in grandi città dove spostarsi è più’ facile, veloce e a volte più’ economico prendere una macchina che i mezzi o che vi piaccia viaggiare comodi o che vi piaccia viziarvi a volte, Uber è sicuramente l’app che dovete avere nel vostro telefono; anche in caso di emergenza quando un vostro amico è troppo ubriaco ed è più sicuro mandarlo direttamente a casa, in macchina che sbatterlo sui mezzi sperando che non si svegli dall’altra parte della città!
Gli autisti sono quasi tutti cordiali e puntuali ed è un app sicura; se mai aveste un problema il servizio assistenza vi potrà dare una mano 24h su 24!
Books

Non aprite quel pacco, Marco Tarquini (2017)

43599518_552841911817713_5034037232411869184_nCome ha fatto un carlino a diventare uno dei più tosti commissari di polizia di Roma? Per scoprirlo vi basta leggere “Non aprire quel pacco”, storia a fumetti che racconta le avventure del commissario De Vito alle prese con un misterioso bombarolo. La storia è raccontata con la struttura classica del giallo, con dello tocchi noir, il ritmo è incalzante e probabilmente lo divorerete in un’unica lettura. Lo stile di Marco Tarquini (sceneggiatore e disegnatore) è così particolare da restare impresso nella mente del lettore.

 
Tartarughe all’infinito, John Green (2018)
42003894_731855240502664_887114165450873177_n.jpgVisto che in questo mese abbiamo preso coscienza che anche le malattie mentali sono importanti tanto quanto quelle fisiche, mi sembra giusto parlarvi dell’ultimo libro di John Green, che non eguaglia i suoi primi bestseller ma le buone intenzioni ci sono tutte.
La protagonista, Aza, crede che un giorno i batteri la uccideranno; ha il timore che ogni cosa che faccia le causi una malattia, persino un bacio le costa tanto perché anziché goderselo, pensa a quanti batteri non suoi stanno prolificando all’interno della sua bocca. Le sue sedute con la psicologa sembrano non aiutarla molto e persino la sua migliore amica sembra non capirla del tutto, eppure Aza ci prova con tutte le sue forze a non pensare a tutto quello che potrebbe contrarre ma è più facile a dirsi che a farsi.
Sullo sfondo c’è la storia di una scomparsa misteriosa che diviene il filo conduttore tra i vari personaggi.
Il libro ha sicuramente un ritmo molto lento rispetto ad altri ma vale la pena di dargli una possibilità!
Japan
Switched, Netflix (2018)
9af4a7716a0fd7903fecb9eabde2de08e2de1b6d
Altro drama made in Japan, altro prodotto Netflix che mi ha colpita subita dal teaser trailer.
Lo so che molti di voi, guardando i drama che io adoro, probabilmente rideranno molto per come i giapponesi prendono a cuore certe cose o come sembrano brutte copie di trame americane già viste, triste e ritrite ma a me fanno impazzire sia come recitano sia come mettono il loro twist in ogni cosa. Anche questa, come altre, si rifa a qualcosa di americano; una sorta di Freaky Friday dove due ragazze a seguito di una “colluttazione”, si scambiano i corpi. Da un lato Ayumi, la ragazza bella magra, popolare ma anche buona, altruista e sempre pronta ad aiutare, genuina insomma, dall’altra Umine, la ragazza invisibile, che non rientra nei canoni della bellezza giapponese e che ha un carattere un po’ cattivo, forse per via delle brutte esperienze; Ayumi nel corpo di Umine prova in tutti i modi a spiegare cosa è successo ma all’inizio nessuno le crede! Molti equivoci, drammi, pianti ma anche lezioni di vita prima che si scopra il futuro delle due ragazze! Ha un taglio più dark di quello che da a vedere e sono solo sei episodi quindi, se vi ho incuriositi, perché non provare a guardarla?
Saint Seiya – The lost canvas
Saint.Seiya.Lost.Canvas.full.373908.jpgThe Lost Canvas è uno spin off della serie originale dei Cavalieri dello zodiaco. È ambientata prima della serie che noi tutti conosciamo e ha come protagonista Tenma, un orfano cresciuto insieme ai suoi due migliori amici, i fratelli Sasha e Alone. La loro infanzia felice e spensierata è però destinata a finire, infatti le loro vite cambieranno radicalmente quando si scoprirà che Sasha è l’incarnazione della Dea Atena e Alone quella di Hades. Le due divinità da sempre si fronteggiano e a loro è sempre legato il cavaliere di Pegasus, che si scoprirà poi essere Tenma. Sta per iniziare una nuova Guerra Sacra tra le due divinità. Chi vincerà? Scopritelo con questo anime che vi lascerà senza fiato!
DISCLAIMER: Questo articolo non è stato sponsorizzato in nessun modo.
Seguiteci anche su Facebook ed Instagram!

Siciliana di nascita; ex-studentessa di Lingue al Liceo, all'università ho scelto Scienze della Comunicazione. MI sono trasferita all'estero subito dopo la Laurea e, adesso, son quattro anni che sono espatriata, prima a Londra e adesso a Cardiff e finalmente inizio a sentirmi a casa. Amo il sole, il mare, la primavera, i fiori e soprattutto il Natale. Oh, e i biglietti aerei economici, quelli sono DAVVERO, la mia cosa preferita. Sono una sognatrice; mi piace scrivere da sempre: sui banchi di scuola ho cerato le mie storie fantasy migliori che non hanno, e non avranno mai, visto la luce, più perché ho dimenticato dove siano tutte quelle pagine che per altro. Spesso penso che sia nata nel secolo sbagliato; gli anni '90 mi mancano molto a livello di contatto umano ma so che ormai non riuscirei fare a meno della tecnologia. Sono una viaggiatrice; figlia del mio segno zodiacale, il Sagittario, ho bisogno di spiccare il volo e vedere quanta più porzione di mondo mi sia concessa. Mi piace esplorare posti nuovi, perdermi per le strade, assaggiare nuovi sapori, sentire nuovi odori e perché no cercare di carpire parole da lingue a me sconosciute.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.