Europa,  Travel Guides

Parigi: Guida di Viaggio

Parigi

Parigi: la città dell’amore, colei che ha la chiave del cuore. E’ qui che poeti, scrittori, pittori e artisti hanno tratto ispirazioni per molte delle loro opere; qui che registi hanno girato le migliori scene romantiche, che gli attori hanno filmato i baci più memorabili; che gli stilisti possono sbizzarrirsi come non mai, dove basta guardare un dettaglio per dar vita ad un’intera collezione.

Le frasi su questa città, dal sapore afrodisiaco e un leggero profumo di note floreali che si mischia a quell’elettricità che solo l’amore dei primi mesi di una relazione sa dare, si sprecano. Eppure una volta messo piede a Parigi, non si può far altro che dare ragione agli artisti che l’hanno descritta con sentimento e passione.
Un giro tra i vari arrondissements, magari perdendosi cercando la strada migliore per arrivare alle famose attrazioni che questa città offre, e non si potrà far altro che innamorarsi delle facciate tipiche dei palazzi parigini, dei vicoli pieni di vita; colori e fiori che quasi sembrano piccolissimi villaggi a se stanti.

Parigi è una città che trasuda cultura, sofisticatezza, classe e stile senza mai cadere in cliché che ha tantissimo da offrire se la si guarda davvero con occhio attento. L’unica pecca? I suoi abitanti: un po’ freddi, un po’ con la puzza sotto il naso, un po’ diffidenti, un po’ presuntuosi, un po’… troppo francesi. Parlano la loro lingua come se tutti la conoscessero, quindi non aspettatevi troppe persone ad aiutarvi con indicazioni maccheroniche.
 

  • Cose da Vedere a Parigi

Sacre CoeurLa prima cosa che tutti vogliono andare a visitare quando si tratta della capitale francese è la Tour Eiffel. Essa è strutturata in ferro ed alta 300 metri; è il simbolo di Parigi. Cambia effetto dalla mattina alla sera: con la luce del giorno ha il suo fascino ma è quando cala il sole che la sua bellezza si supera. Ad ogni rintocco dell’ora, si illumina ad intermittenza per cinque minuti, creando dei giochi di luce spettacolari.
Vale di sicuro una visita fino alla vetta. Il biglietto non è eccessivo come si potrebbe pensare e potrete visitare la cima del monumento a piedi o comodamente in ascensore. All’interno della Torre troverete dei negozietti di souvenir e persino un ristorante di lusso. E non dimenticate la magnifica vista di Parigi che potrete ammirare dall’alto.

Niente batte il magnifico panorama che potrete adorare una volta arrivati davanti alla Basilica de Sacre Coeur, nel cuore di Montmarte, uno dei quartieri più artistici della capitale. Troverete pittori ad ogni angolo dell’arrondissement così come piccoli cafè e bistro che espongono le opere ad olio degli artisti di strada.Vista sui tetti di Parigi
Addentratevi tra le varie stradine piene di palazzi color pastello e troverete una delle entrate del cimitero Père Lachaise. Qui giacciono lo scrittore Oscar Wilde, Honoré de Balzac, il musicista Georges Bizet, la cantante Maria Callas; e poi Chopin, Edith Piaf, Molière, Marcel Proust, Rossini, Jim Morrison facendo sì che il cimitero sia uno dei più visitati al mondo.

Proseguendo vi ritroverete a Pigalle, il quartiere a luci rosse di Parigi dove il famosissimo Moulin Rouge è situato.
Si dice che non è tutto oro ciò che luccica e dall’esterno, il Mulino è delusione pura. Sembra piccolissimo e di giorno non è poi granché, anzi, il quartiere non è dei migliori ma una volta tornati la sera, illuminato ed entrati dentro, si capisce perché è diventato famosissimo in tutto il mondo.
Per quanto sia piccola la facciata, l’interno è eccessivamente enorme e potrete persino fare un giro nel backstage con una guida, carpendo alcuni segreti del passato di quel pezzo di storia che avrete davanti.

Notre DameAmanti delle passeggiate, questo trafiletto è per voi a cui consiglio di fare un giro ai Jardin du Luxembourg, pieni di deliziosi cafè, sdraio tutte attorno al laghetto situato al centro del parco, e di statue di persone storiche e di dei greci che sono una delizia per gli occhi degli appassionati. Potrete scegliere di andarci dopo una visita al Louvre o subito dopo per poi continuare una passeggiata lungo i ponti che costeggiano la Seine, fino ad arrivare al Musée d’Orsay. Ricordatevi che per entrare in molti musei parigini, dovrete pagare l’ammissione a meno che non andiate le domeniche, ma aspettatevi una fila eccessiva all’entrata.

Libreria Shakespeare & Co.D’obbligo è vedere Notre-Dame, a pochi passi dal quartiere latino, dal ponte pieno di lucchetti e pittori e venditori di libri antichi. Menzione speciale anche alla libreria inglese che trovate quasi di fronte la cattedrale, dal nome inconfondibile: “Shakespeare & Company” che vale sicuramente entrare. Piena di libri antichi e rari, alcuni autografati, altri sono prime edizioni; potrete lasciarvi il cuore se siete amanti della letteratura e sicuramente molte ore del vostro tempo e Bateaux Mouchesprobabilmente uscirete alleggeriti nel portafogli ma arricchiti di sensazioni tattili per essere riusciti a toccare con mano libri che non avrete mai potuto neanche pensare di vedere.

E ovviamente non dimenticate un altro simbolo della capitale: l’Arc de Triomphe, proprio al centro tra gli Champs-Elysées e la Tour Eiffel.
Se invece non volete andare in giro per la città a piedi ma volete vedere quanto più possibile della città, perché non prendere uno dei Bateaux Mouches? Potete scegliere se volere solo il giro o il giro con la cena sul battello, tutto dipende dal budget, dalla vacanza che avete programmato, ecc. E potrete persino vedere una Tour Eiffel fatta di plastica rossa!

  • Dove fare shopping

Mercato delle PulciDipende tutto sempre dal budget che avete a disposizione, ma ricordatevi che anche un sano giro delle vetrine non fa male a nessuno ed è gratis, ed ecco che la prima tappa saranno sicuramente le Galeries Lafayette, sette piani di negozi d’abbigliamento, scarpe, accessori, home decor, giocattoli, librerie, ristoranti, terrazza e chi più ne ha, più ne metta. Qualsiasi cosa desideriate, la troverete qui.

Una versione senza piani ma di negozi per tutti i gusti è sicuramente la sopracitata passeggiata a Les Champs-Elysées dove trovare Louis Vuitton affiancato ad Hollister & Co., la Disney vicino a Dolce & Gabbana e così via.
Se siete più tipi da mercatini, Parigi ne offre per tutti i gusti: Marché aux Puces de St-Ouen è il mercato delle pulci più grande al mondo e potrete trovare di tutto un po’; andate al Marché Malassis per giocattoli, fotocamere datate e arredamento vintage; le Marché Vernaison è per gli amanti del vintage in generale e per libri, stampe e francobolli rari.

E poi basta andare nelle maggiori attrazioni turistiche per trovare gente che vende miniature della Tour Eiffel o piccoli negozietti con souvenir di tutti i generi.

  • Dove Mangiare a Parigi

BrasserieIl cibo francese sembra essere per palati sofisticati, così come i portafogli lo devono essere per permettersi una cena in qualche locale al centro di Parigi. Mangiare fuori, in vacanza, a volte può essere dispendioso; scegliete ristoranti dal menù fisso per trovare piatti tipici ad un giusto prezzo.
Vi consiglio “Il Gigolò” nel quartiere latino: ristornate italiano dal retrogusto e impiattamento francese, con camerieri attenti e simpatici e dai dolci strepitosi.

Se invece volete assaggiare la vera Parigi, recatevi a Le Vicq D’Azir Bistro Parisien, un locale piccolo ma incantevole dove i piatti sono a prezzi moderati visto che è situato lontano dal centro e il sapore è ottimo. Potrete trovarlo aperto già da colazione, magari prendendo un croissant o un pain au chocolate che sono la fine del mondo.
Infine se avete voglia di una buona crepe, perché non prenderla con la vista della Tour Eiffel davanti a voi al Kiosque Trocadero? Avrete una vasta selezione tra salato e dolce!

  • Dove alloggiare

La capitale francese è una delle città più care al mondo, questo si sa. Ma se vi accontentate, potrete trovare un po’ di ostelli in giro o persino hotel o B&B a due stelle che vi offrono anche il wi-fi e non vi faranno sborsare l’ira di Dio, considerato che in hotel ci starete davvero poco.
Ho notato che più lontano dal centro siete meno pagherete, un po’ come dappertutto.
Un buon qualità prezzo che ho trovato è stato l’Hipotel Paris Belleville, nel decimo arrondissement, a tre minuti dalla metro Colonel Fabien. Raggiungere il centro è stato molto facile e ritirarsi in albergo non comportava difficoltà di alcun genere.

  • BASICS

MetropolitainConsiglio spassionato: portate pochi euro con voi, mettete le carte in posti sicuri e non perdete mai di vista borse, telefoni e portafogli, soprattutto in metro dove tutti i segnali vi avvisano di fare attenzione ai borseggiatori che sono presenti anche nella zona del Sacre Coeur.
Andare da una parte all’altra di Parigi risulta molto facile tra bus e metro. Scegliete un pass per i giorni in cui starete nella capitale tra zona 1 e zona 2 dove tutte le attrazioni sono situate.
Una volta che la metro chiude, potrete usufruire dei bus notturni.

Qualsiasi problema abbiate, il numero d’emergenza è il 112.

 

Rubrica “Guide di Viaggio”
fb Lost Wanderer
ig LostWanderer.it
ig Veronica
pin.png Lost Wanderer

 

Siciliana di nascita; ex-studentessa di Lingue al Liceo, all'università ho scelto Scienze della Comunicazione. MI sono trasferita all'estero subito dopo la Laurea e, adesso, son quattro anni che sono espatriata, prima a Londra e adesso a Cardiff e finalmente inizio a sentirmi a casa. Amo il sole, il mare, la primavera, i fiori e soprattutto il Natale. Oh, e i biglietti aerei economici, quelli sono DAVVERO, la mia cosa preferita. Sono una sognatrice; mi piace scrivere da sempre: sui banchi di scuola ho cerato le mie storie fantasy migliori che non hanno, e non avranno mai, visto la luce, più perché ho dimenticato dove siano tutte quelle pagine che per altro. Spesso penso che sia nata nel secolo sbagliato; gli anni '90 mi mancano molto a livello di contatto umano ma so che ormai non riuscirei fare a meno della tecnologia. Sono una viaggiatrice; figlia del mio segno zodiacale, il Sagittario, ho bisogno di spiccare il volo e vedere quanta più porzione di mondo mi sia concessa. Mi piace esplorare posti nuovi, perdermi per le strade, assaggiare nuovi sapori, sentire nuovi odori e perché no cercare di carpire parole da lingue a me sconosciute.

3 commenti

  • Cristiana

    Sono stata già diverse volte a Paragi, ma mai con il mio ragazzo. L’itinerario che hai proposto è veramente molto carino ed interessante. Penso che per la prossima visita parigina seguirò i tuoi consigli!

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.